GAMESCOM 2016: Star Citizen e WoW colpiscono duro!

La fiera di Colonia dedicata al gaming si è appena conclusa ed è stata ricca di novità per i due grandi titoli maggiormente seguiti da noi Banshee: Star Citizen e World of Wacraft.

Per chi se lo fosse perso, troppo impegnato ad ustionarsi in spiaggia o a svuotare la scorta di birra del bar del Giampy, ci pensa il buon Zeff a farvi un piccolo recap! Cominciamo con ….

 

World-of-Warcraft-Legion-Logo

 

Non pare manco vero dirlo, sopratutto per chi come me era presente al lancio di Burning Crusade, ed ha wippato come un toro per settimane nella torre del buon Medivh! La Blizzard ha infatti annunciato qualche giorno fa un gradito ritorno nella patch 7.1, ovvero la torre di Karazhan, e durante il Gamescom sono spuntate altre novità.

 

 

In Legion affronteremo la torre di Karazhan come una spedizione da 5 giocatori con almeno 9 boss da abbattere, ed ovviamente sarà ancora esplorabile come il vecchio raid che i più veterani ricorderanno bene. Il PTR della 7.1 partirà subito dopo il rilascio dell’espansione.

I devs Blizzard  si sono anche sbottonati su alcune tematiche di World of Warcarft, sopratutto per i piani previsti per l’ormai imminente espansione Legion.

Sostanzialmente si è parlato della solita vecchia problematica che ha afflitto le espansioni da Cataclysm in poi, ovvero i contenuti. La Blizzy ha intenzione di dedicarsi al continuo rilascio di contenuti per non abbandonare troppo tempo l’utenza tra un patch e l’altra e, cosa ancora più importante,  non cercherà di concludere rapidamente Legion,  ma di portarla avanti con continuità. Diciamo che non è la prima volta che i Devs si lanciano in affermazioni del genere: speriamo che questa volta siano coerenti con quanto dichiarato.

E’ previsto inoltre un breve raid aggiuntivo, che troverà posto tra l’Incubo di Smeraldo e la Rocca della Notte, incentrato sul filone di lore di Stromheim. Hanno infine sottolineato che la durata della terza incursione dell’imminente espansione dovrebbe essere di 4 o 5 mesi al massimo.

Il 30 agosto è alle porte.

La scimmia è pronta.

 

logo_starcitizen

 

Ecco, qui si apre un baratro. Le novità per  SC al Gamescom 2016 sono state davvero tantissime, e la presentazione della CIG ha spiazzato anche i fan più accaniti:

  • La 2.5, per la quale è stato realizzato un bel trailer, è prevista live per questo mese. Come oramai saprete tutti la 2.5 vede l’accesso alla malfamata area del GRIM HEX, nuove opzioni di vestiario, la nuova tecnologia di atterraggio automatico, tre nuovi navi pronte al volo ( la Reliant KORE, l’Argo MPUV – variante cargo, e l’Argo MPUV – variante viaggiatore ),  oltre ad una serie di aggiunte e fix davvero notevole.
  • Della 2.6 si è avuto appena un accenno, anche se i più la conoscono meglio come la patch di Star Marine. Sembra sia infatti finalmente arrivato il momento del rilascio da parte di CIG del modulo FPS per Star Citizen. L’aggiunta di questo modulo darà ai giocatori la possibilità di affrontarsi in scontri fps a squadre, a terra o a gravità 0. Tutto questo ovviamente comprenderà nuove animazioni ed una nuova tipologia di gameplay, che andrà a convergere nel mini PU.
  • Sono previsti tutta una serie di miglioramenti al sistema di volo: Arena Commander vedrà infatti sostanziose modifiche al gameplay che ne andranno ad affinare l’esperienza di gioco, come il combattimento in volo e la gestione della telecamera.
  • Tra le navi vanno sicuramente citate la Drake Herald e la Aegis Vanguard che finalmente potremo ammirare in volo. Ma non si può non parlare della mitica Terrapin della Anvil! Sbalorditiva sul piano difensivo, con potenti generatori di scudi e sensori a lungo raggio, dopo un passato come veicolo militare, è pronta ad entrare nella scuderia degli esploratori terrorizzati da eventuali incontri con frizzanti pirati.

 

star-citizen-2

 

Ed ora siamo arrivati al vero momento clou della presentazione della CIG.

Roberts ha infatti calato il velo su ciò che SC ha in serbo per i propri utenti, ovvero la 3.0, che seguirà la 2.6, e che dovrebbe raggiungere la fase di testing entro la fine dell’anno.

Innanzitutto la 3.0  “porterà” le prime professioni di base: commerciante, trasportatore, pirata, mercenario e cacciatore di taglie. L’evoluzione del gameplay con questa patch infatti, inizierà a spingere i giocatori a creare quel meta che è sempre stato al centro dell’immaginario di SC. Per mostrare da vicino quanto vi sto descrivendo, sor CR, insieme a quattro membri dello staff, hanno mostrato una sessione di gameplay di quasi un’ora che ha fatto svenire la maggior parte delle scimmie in sala.

 

star-citizen-3

 

La 3.0 vedrà infatti il debutto della nuova tecnologia planetaria e l’ampliamento del Sistema Stanton, che a questo punto comprenderà i pianeti Hurston, Microtech, Crusader, Delamare, Arc Corp, oltre ad una dozzina di lune in orbita e più di 30 stazioni spaziali da esplorare.

La tecnologia per i pianeti procedurali ha ormai raggiunto un livello ragguardevole ed è stata mostrata la tecnologia per la transizione delle navi dallo spazio profondo all’orbita planetaria, sino al raggiungimento del suolo. Una dimostrazione davvero impressionante, difficilmente descrivibile a parole, per la quale vi consiglio di visionare il video che ho linkato sopra. E’ stato inoltre specificato che la tecnologia verrà ulteriormente migliorata e portata alla sua versione v2.0 al rilascio della patch, e che quella vista al Gamescom è solo la prima versione.

Ma la vera spettacolarità della presentazione è stata l’interazione tra i diversi aspetti del gioco, frutto del lavoro di anni (troppi direbbero alcuni) da parte della CIG: combattimento nello spazio, conflitto fps a terra, transizione del viaggio spaziale, tecnologia procedurale dei pianeti, la gestione delle missioni  ( molto immersiva la chiaccherata al bar) e, sopratutto, il livello di cura e di dettaglio di ogni singolo aspetto del gioco.

 

Durante la demo sono inoltre comparsi ( e se le sono date di santa ragione) la Drake Dragonfly, la prima vera “moto” spaziale e l’Ursa Rover.

Per chi, a questo punto, ed io ve lo consiglio, volesse vedere l’intero evento della serata del  19.08 si possono trovare ormai miliardi di link, ma ovviamente il canale ufficiale YT di SC è sempre aggiornato:

 

 

CR ha infine rilasciato un’interessante intervista chiarificatrice a BadNewsBaron e Captain Richard. Eccone i punti salienti:

  • Rispetto ad altri giochi con la tecnologia procedurale, in SC con la 3.0 la linea dell’orizzonte è la curvatura del pianeta.
  • Nonostante il pianeta apparso nella sessione di gameplay del GC2016 fosse spoglio, al prossimo Citcon di Ottobre la CIG è pronta a mostrare il prossimo livello della tech PG: vegetazione, acqua e oceani riempiranno un pianeta “stile Crysis”.
  • Le stazioni spaziali riportate nel pannello delle features della 3.0 verrano riprodotte con un set modulare al momento e si noteranno molte “repliche”.
  • La tecnologia attuale della CIG potrebbe permettere una scala reale dei pianeti e delle distanze ma a parer loro rovinerebbe il gameplay diventando frustrante. Per questo pensano di ridurre a 1/10 la distanza dei pianeti e a 1/4 la dimensione dei pianeti.
  • Per percorrere tutto il Sistema Stanton da parte a parte ci vorranno più di 40 minuti.
  • Con la 3.0 è in arrivo un sistema di gestione degli oggetti ( items 2.0 ) che riguarderà anche la manutenzione delle navi più grandi per i lunghi viaggi.
  • Nella 3.0 si vedranno le prime missioni PG.
  • Continueranno a proseguire i lavori di facial capture anche su occhi, capelli e pelle.
  • Il vero obiettivo e di spingere ad eventi guidati dai giocatori per creare un mondo più dinamico e vivo.
  • Il capitolo nr.2 di SQ42 è pianificato per circa 2 anni dopo il rilascio del primo capitolo.

In tutto questo noterete che non si è parlato di Squadron 42, la cui release era prevista per il 2016. CR ha dichiarato che tutte le novità di Sq42 sono state tenute da parte per l’ormai imminente Citcon 2016 di Ottobre.

Non ci resta che aspettare.

Author: Zeff

Guild Master dei Banshee su diversi MMORPG, Lord Thorbenov ha gettato le basi del clan assieme ad una manciata di altri "Veterans" partendo dai mitici Bright Shields di Warhammer Online. Spammer di professione, lurker per vocazione, scrive news sul portale BSE portando imbarazzo in tutta la community.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.